riccardobraggio.it logo
Altopiano di Bolaven - Laos
1 / 92 ‹   › ‹  1 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
2 / 92 ‹   › ‹  2 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
3 / 92 ‹   › ‹  3 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
4 / 92 ‹   › ‹  4 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
5 / 92 ‹   › ‹  5 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
6 / 92 ‹   › ‹  6 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
7 / 92 ‹   › ‹  7 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
8 / 92 ‹   › ‹  8 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
9 / 92 ‹   › ‹  9 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
10 / 92 ‹   › ‹  10 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
11 / 92 ‹   › ‹  11 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
12 / 92 ‹   › ‹  12 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
13 / 92 ‹   › ‹  13 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
14 / 92 ‹   › ‹  14 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
15 / 92 ‹   › ‹  15 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
16 / 92 ‹   › ‹  16 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
17 / 92 ‹   › ‹  17 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
18 / 92 ‹   › ‹  18 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
19 / 92 ‹   › ‹  19 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
20 / 92 ‹   › ‹  20 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
21 / 92 ‹   › ‹  21 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
22 / 92 ‹   › ‹  22 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
23 / 92 ‹   › ‹  23 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
24 / 92 ‹   › ‹  24 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
25 / 92 ‹   › ‹  25 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
26 / 92 ‹   › ‹  26 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
27 / 92 ‹   › ‹  27 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
28 / 92 ‹   › ‹  28 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
29 / 92 ‹   › ‹  29 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
30 / 92 ‹   › ‹  30 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
31 / 92 ‹   › ‹  31 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
32 / 92 ‹   › ‹  32 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
33 / 92 ‹   › ‹  33 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
34 / 92 ‹   › ‹  34 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
35 / 92 ‹   › ‹  35 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
36 / 92 ‹   › ‹  36 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
37 / 92 ‹   › ‹  37 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
38 / 92 ‹   › ‹  38 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
39 / 92 ‹   › ‹  39 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
40 / 92 ‹   › ‹  40 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
41 / 92 ‹   › ‹  41 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
42 / 92 ‹   › ‹  42 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
43 / 92 ‹   › ‹  43 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
44 / 92 ‹   › ‹  44 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
45 / 92 ‹   › ‹  45 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
46 / 92 ‹   › ‹  46 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
47 / 92 ‹   › ‹  47 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
48 / 92 ‹   › ‹  48 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
49 / 92 ‹   › ‹  49 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
50 / 92 ‹   › ‹  50 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
51 / 92 ‹   › ‹  51 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
52 / 92 ‹   › ‹  52 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
53 / 92 ‹   › ‹  53 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
54 / 92 ‹   › ‹  54 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
55 / 92 ‹   › ‹  55 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
56 / 92 ‹   › ‹  56 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
57 / 92 ‹   › ‹  57 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
58 / 92 ‹   › ‹  58 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
59 / 92 ‹   › ‹  59 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
60 / 92 ‹   › ‹  60 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
61 / 92 ‹   › ‹  61 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
62 / 92 ‹   › ‹  62 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
63 / 92 ‹   › ‹  63 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
64 / 92 ‹   › ‹  64 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
65 / 92 ‹   › ‹  65 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
66 / 92 ‹   › ‹  66 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
67 / 92 ‹   › ‹  67 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
68 / 92 ‹   › ‹  68 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
69 / 92 ‹   › ‹  69 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
70 / 92 ‹   › ‹  70 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
71 / 92 ‹   › ‹  71 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
72 / 92 ‹   › ‹  72 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
73 / 92 ‹   › ‹  73 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
74 / 92 ‹   › ‹  74 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
75 / 92 ‹   › ‹  75 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
76 / 92 ‹   › ‹  76 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
77 / 92 ‹   › ‹  77 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
78 / 92 ‹   › ‹  78 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
79 / 92 ‹   › ‹  79 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
80 / 92 ‹   › ‹  80 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
81 / 92 ‹   › ‹  81 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
82 / 92 ‹   › ‹  82 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
83 / 92 ‹   › ‹  83 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
84 / 92 ‹   › ‹  84 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
85 / 92 ‹   › ‹  85 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
86 / 92 ‹   › ‹  86 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
87 / 92 ‹   › ‹  87 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
88 / 92 ‹   › ‹  88 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
89 / 92 ‹   › ‹  89 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
90 / 92 ‹   › ‹  90 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
91 / 92 ‹   › ‹  91 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos
Altopiano di Bolaven - Laos
92 / 92 ‹   › ‹  92 / 92  › pause play enlarge slideshow
Altopiano di Bolaven - Laos

Viaggio fra gli Alak del Bolaven

Il campo base ideale per visitare l’altopiano di Bolaven è il villaggio di Pakse.
Pakse è una simpatica cittadina sulle rive del Mekong nel profondo sud del Laos vicino al confine con la Cambogia. Si può giungere qui via terra con un estenuante viaggio in bus, in aereo da Vientiane o scendendo il Mekong con una barca. Tutte le opzioni hanno dei vantaggi e degli svantaggi per cui il criterio di scelta si riduce poi ad una questione di tempo a disposizione.

Fa già molto caldo a Pakse, anche se sono solo le sei e trenta di mattina.
La guida, ingaggiata il giorno prima in una piccola agenzia, si presenta puntualissimo all’albergo.
Col fuoristrada ci inerpichiamo su una strada asfaltata in ottime condizioni.
Saliamo molto visto che dovremo passare ad un’altitudine fra gli 800 ed i 1350 metri/s.l.m.
L’altopiano del Bolaven è nato milioni di anni fa da una delle più tremende eruzioni di cui si abbia traccia e che formarono un vulcano di dimensioni enormi.
Oggi il paesaggio è notevolmente mutato ed il luogo è uno dei più rigogliosi paradisi naturalistici del sud est asiatico.
Lasciamo Paksong , la capitale della regione, non dopo esserci riforniti di cibo per noi ed omaggi per le tribù che ci ospiteranno.
Procediamo per ore attraverso un paesaggio coperto di foreste e ricco di acque. Incontriamo alcuni villaggi che si limitano ad una fila di case ai due lati della strada.
Lungo queste strade fioriscono mille attività fra cui la vendita di ogni tipo di mercanzia, la riparazione di auto e di gomme, la distribuzione della benzina con antiquate pompe a mano fino a giungere, nei posti più isolati, alla vendita dei carburanti in bottiglie di vetro che in passato hanno ospitato ogni tipo di liquore.
Col passare delle ore, allontanandoci da Paksong, i paesini diventano sempre meno frequenti e le case di cui sono fatti si fanno sempre più povere fino a diventare file di capanne di legno.
Giunti nel cuore dell’altopiano la temperatura si è fatta più mite, pur restando abbondantemente sopra i trenta gradi.
Lungo la strada ci fermiamo presso un gruppetto di casupole dove alcuni uomini stanno svolgendo un’attività per cui questa zona è famosa.
Mi riferisco alla costruzione di attrezzi ed in particolare di machete.
Sembra che da queste parti gli artigiani siano imbattibili a trasformare parti di bombe americane in ogni sorta di utensile.
La … materia prima non manca di certo nelle foreste dei dintorni dopo la guerra del Vietnam. Il Laos, infatti, è stato bombardato pesantemente, anche se nessuno gli ha mai dichiarato guerra ed anche se loro non hanno mai sparato un solo colpo contro nessuno.
Alcuni uomini hanno il compito di trovare le bombe mentre altri s’incaricano di trasformarne il metallo in arnesi di vario genere, mentre le donne si dedicano alla vendita dei prodotti sul bordo della strada.
In alcuni casi vengono trovati i serbatoi di riserva degli aerei americani che vengono prontamente trasformati i serbatoi per l’acqua o, perfino, in piroghe.
Proseguiamo il nostro viaggio verso l’interno attraverso un paesaggio straordinario in cui, nella foresta incontaminata, si susseguono splendide cascate.
La zona è ricchissima di acqua e spesso i vari fiumi, affluenti del Mekong, sbucano improvvisamente dalla foresta compatta per gettarsi nel vuoto di un burrone con fragore fra spruzzi altissimi.
In altri luoghi, l’andamento dei corsi d’acqua muta improvvisamente passando dallo scorrere placido attraverso un pianoro, al turbolento andamento delle rapide che affrontano notevoli dislivelli.
Verso sera giungiamo al piccolo villaggio che rappresenta la prima tappa della nostra esplorazione dell’altipiano. Ci sistemiamo in una baracca di legno a palafitta che rappresenta l’unica dotazione alberghiera del posto.
Siamo nel cuore verde della provincia del Champasak e nonostante le mie ricerche sulla nostra cartina, del villaggio che ci ospiterà per la notte non trovo traccia.
La sosta consente il primo approccio serio con gli abitanti di etnia Katu. L’attività qui consiste prevalentemente nell’artigianato, nell’agricoltura, nell’allevamento e nella pesca.
Prima di cena, approfittando della temperatura finalmente mite, esploro il villaggio.
L’unica costruzione in cemento è un piccolo tempio in cui vive una modesta comunità di monaci fra cui molti sono bambini.
Allo scendere della notte i piccoli monaci accendono un fuoco attorno al quale si radunano per ascoltare le leggende narrate dai monaci più anziani.
Il paese è così accogliente che decidiamo di trascorrere qui anche il giorno seguente.
Dopo colazione decido di esplorare le rive del fiume che attraversa il villaggio.
I bambini giocano a schizzarsi l’acqua a vicenda gettando pietre dalla riva, le donne lavano i panni usando cenere come usava da noi nei secoli passati, una donna produce carbone bruciando legna raccolta nella foresta dopo averla ricoperta con cumuli di pula di riso per sottrarre ossigeno ed ottenere carbone di legna.
L’atmosfera è decisamente bucolica e rilassata.
I maiali sonnecchiano all’ombra, le nonne preparano il rattan per produrre cesti e stuoie circondate dai nipotini, le donne curano gli orti sulla riva del fiume mentre i peperoncini vengono messi ad essiccare su …… un’antenna parabolica costruita in casa.
Il mattino seguente, dopo aver riempito il serbatoio di benzina presso l’unico “distributore” del villaggio, ripartiamo per spingerci ancora più profondamente nell’interno.
Lungo il percorso, ci imbattiamo in una fiera organizzata da alcuni villaggi circostanti.
Le attrazioni consistono in una giostra per bambini spinta a mano da un burbero personaggio, alcuni “stand” gastronomici e da una gara di piroghe che si svolge su uno specchio d’acqua antistante le altre attrazioni.
Prima di iniziare la gara gli equipaggi (femminili) si avvicinano a riva dove un piccolo altarino di fiori viene appoggiato per alcuni minuti alla prua per benedire l’imbarcazione.
Il tifo è quello delle grandi occasioni.
Proseguiamo il nostro viaggio che ci porta ad un nuovo villaggio in cui l’attività principale è la coltivazione del caffè.
L’altopiano del Bolaven è giustamente orgoglioso della qualità del suo caffè che è considerato fra i migliori al mondo.
La temperatura e l’altitudine sono ideali per la crescita della qualità “robusta” che ha le sue condizioni ideali a 800 metri/s.l.m. con temperature fra i 24 ed i 30 gradi centigradi.
In alcune zone viene coltivata anche la qualità “arabica” che richiede altitudini superiori.
In ogni caso il lavoro di questa gente è scarsamente retribuito visto che il caffè viene loro acquistato dai grossisti di Pakse e Paksong ad un prezzo che non supera i 50 centesimi di dollaro al chilo.
Le case di questo villaggio Alak sono palafitte in legno.
Esiste una piccola scuola che viene ospitata in baracche di legno e che raccoglie i bambini provenienti dai villaggi di una vasta zona attorno.
Una curiosa usanza che accomuna gli Alak e i Katu, consiste nel fatto che ogni uomo, raggiunta la maggiore età, costruisce ……… la bara per se e per i propri congiunti. Non esistono veri e propri cimiteri, ma i morti vengono seppelliti a caso in radure nella foresta usando le casse che si sono costruiti in gioventù e che hanno conservato per tutto il resto della loro vita sotto la propria palafitta a perenne ricordo del destino inevitabile.
Dopo una breve permanenza lasciamo anche questo villaggio.
Facciamo una nuova scorta di cibo e regali lungo la strada ad un grande mercato in cui, oltre ad acquistare merci utili e non, le giovani dei villaggi vicini possono addirittura usufruire di un parrucchiere per signora in piena regola.
Lungo la strada usufruiamo di una piccola chiatta per traghettare il nostro fuoristrada oltre un guado.
Siamo ora nella zona più isolata della provincia e proseguiremo il viaggio usando il più antico e tradizionale mezzo di locomozione del posto: l’elefante.
Il Laos è anche noto come “il Paese del milione di elefanti” ed il nome è assolutamente indovinato.
Qui si usa ancora il lavoro di questi pachidermi per disboscare le foreste e per trasportare merci nelle zone più impervie.
Clementina (questo è il nome che abbiamo dato al nostro elefante che è una graziosa femmina di soli 17 anni) ci porterà fino nel cuore della foresta a visitare un villaggio Alak dove passeremo una notte per proseguire poi fino al punto in cui troveremo ad aspettarci il fuoristrada che compirà un lungo giro per raggiungerci.
La cosa che colpisce di più chi abbia la fortuna di trascorrere abbastanza tempo in compagnia di questi splendidi animali, è la loro delicatezza.
Clementina affronta sentierini strettissimi con la leggerezza di una ballerina di danza classica.
Nei punti più impervi, saggia prudentemente il terreno prima di fare il passo, mentre in caso di ostacoli quali alberi caduti sul sentiero, semplicemente li prende con la proboscide per poi scagliarli via con estrema noncuranza.
Nelle soste lungo il percorso Clementina approfitta della presenza dei corsi d’acqua per bere e per rinfrescarsi (e talvolta rinfrescarci !) con potenti getti emessi dalla proboscide.
Ad un piccolo laghetto abbiamo incontrato alcuni giovani con i loro elefanti. E’ cominciata subito una festa con lavaggi ed immersioni che ha divertito tanto noi quanto i pachidermi.
Il pranzo di Clementina è stato un bel casco di banane che lei ha mangiato poco per volta.
Tenendo fermo il casco con una zampa, staccava le singole banane una alla volta con la proboscide e le infilava in bocca con gusto.
Giungiamo, infine, a destinazione.
La guida ci conduce dal capo del villaggio presso il quale pernotteremo.
Consegniamo i doni che avevamo acquistato al mercato e che verranno poi divisi fra tutti i membri della tribù.
Al centro del villaggio, costituito da palafitte di legno, si trova la casa comune in cui il capo del villaggio, i vecchi saggi e lo sciamano radunano talvolta la popolazione per svolgere riti, dirimere liti o semplicemente aggiornare la popolazione sulle novità o sui tempi del raccolto del caffè.
Gli Alak sono animisti per cui il villaggio è ricco di totem che rappresentano spiriti in varie forme o semplicemente animali quali le galline.
Le donne tessono le tele con telai a mano che non sono cambiati da centinaia di anni e preparano ai loro uomini grosse pipe d’acqua in cui un tabacco nero e forte viene mischiato ad altre erbe e fumato. Il fumo gorgogliando attraverso uno strato d’acqua, viene in qualche modo filtrato come in un narghilè.
Gli uomini si occupano della manutenzione delle case, della costruzione di attrezzi e di tutte le incombenze legate alla caccia e alla pesca.
Il sistema sociale non prevede la proprietà privata ed ognuno è chiamato a dare il suo contributo al funzionamento del villaggio.
Quando due giovani decidono di andare a vivere assieme, tutti gli abitanti contribuiscono col proprio lavoro per costruire la casa per la nuova famiglia che si sta formando.
Le capanne sono in legno e sono rialzate rispetto al suolo perché durante la stagione delle piogge spesso i fiumi esondano.
La tipica abitazione è formata da una singola stanza dove dormono tutti i membri della famiglia. Oltre alla porta d’ingresso non esistono altre aperture per cui queste capanne sono molto buie.
Di fronte all’ingresso si trova un’ampia veranda coperta in cui si svolgono tutte le attività domestiche (qui la luce non manca) e dove vengono ospitati i visitatori che possono dormire sul pavimento di legno, fuori della casa vera e propria ma al coperto dalle intemperie.
Isolato dalla struttura di legno della capanna, un focolare in pietra consente di cucinare i cibi per tutta la famiglia.
Giunge la sera e ci apprestiamo a sistemarci nella veranda e a cucinarci il pollo che abbiamo portato con noi per la cena.
Prima però seguiamo molti giovani che si recano sulle rive del vicino fiume per le abluzioni serali.
La cena consiste nel pollo che, dopo essere tagliato a pezzi, viene posto all’interno di un grosso bambù con vari altri ingredienti e quindi cotto ponendo il bambù direttamente sul fuoco.
All’interno il pollo cuoce a vapore assumendo gli aromi delle erbe che lo accompagnano.
Naturalmente non manca il riso scotto che funge da pane.
Stiamo per assaporare la nostra cena, quando una torma di giovani del villaggio ci raggiungono e si invitano a cena.
Dividiamo volentieri con loro il nostro cibo ed iniziamo a fraternizzare grazie alla guida che viene promossa sul campo traduttore simultaneista.
Dopo la cena i ragazzi tirano fuori alcune bottiglie contenenti Lao-Lao. Il termine è formato da due distinte parole (anche se scritte allo stesso modo) che si pronunciano in modo diverso.
Il primo Lao significa “Liquore” o “alcol” in generale, mentre il secondo significa “del Laos”.
Si tratta, dunque, di una bevanda alcolica ottenuta dalla fermentazione del riso seguita poi da una eliminazione dell’acqua attraverso evaporazione che ne alza il tasso alcolico.
Il Lao-Lao viene talvolta aromatizzato con miele o con scorpioni. Spero che quello bevuto durante la serata fosse del tipo standard.
Il cibo, il Lao-Lao e la conversazione rilassano tutti i presenti e facilitano la socializzazione.
Dopo aver mangiato una splendida anguria, compaiono due chitarre e comincia la festa vera e propria.
Lentamente le persone più anziane si ritirano lasciando noi ed i giovani a cantare come matti.
Verso mezzanotte viene tentato l’impossibile.
Noi proviamo a cantare un coro in lingua Alak mentre, dopo un’altra bottiglia di Lao-Lao noi pretendiamo di insegnare loro gli stornelli genovesi.
Ci scambiamo battute, chitarre e bicchieri mentre l’atmosfera assomiglia sempre di più a quella di una festa fra vecchi amici che si sono ritrovati dopo molto tempo.
Sono le due passate quando i nostri amici decidono di andarsene continuando, peraltro, a bere e cantare mentre attraversano il villaggio immerso nell’oscurità più profonda.
Sistemate le indispensabili zanzariere ci apprestiamo ad un breve ma necessario riposo sulle dure assi del pavimento.
L’indomani all’alba, Clementina ci porterà al rendez-vous col fuoristrada che ci riporterà a Pakse.
Link
https://www.riccardobraggio.it/viaggio_fra_gli_alak_del_bolaven-r2233

Share link on
CLOSE
loading